Archivi categoria: mondo carne

Inchiesta sugli allevamenti

Inchiesta di Repubblica sulla crudeltà degli allevamenti, ma anche sulle aziende che cercano di limitare le sofferenze degli animali (Coop, Barilla, Calvè). Sullo sfondo, l’eccessivo consumo di proteine animali (90Kg/anno contro i 35 necessari) e la bassa sostenibilità della produzione della carne (repubblica.it)

Annunci

Crisi profonda nei consumi di carne rossa all’inizio del 2013

Tre pagine dedicate da Repubblica alla crisi di consumi di carne rossa nei primi due mesi di quest’anno rispetto al 2012. Il presidente della Federcarni nella provincia di Venezia parla di un calo del 30 per cento. C’è la concorrenza delle carni dell’est mentre sugli allevatori italiani pesa l’aumento del cibo per il bestiame: ogni giorno un vitellone, per passare dai quattro ai sette quintali, mangia 1,2 chili di paglia di frumento, 3 chili di mais, 2 di polpa di barbabietole e 5 di mangime, preparato con granoturco, girasole, soia, frumento e sali. I mais tre anni fa costava 12 euro al quintale e ora ne costa 23. Altri aumenti di costi sono collegati al miglioramento della vivibilità degli allevamenti imposta per legge. Per esempio le scrofe durante la gestazione debbono vivere in gruppo e avere lo spazio per “giocare”. In questo modo un “posto-scrofa” viene però a costare 700-800 euro. Da rilevare poi i grossi problemi di sostenibilità della produzione di carne rossa, il fantasma del morbo della mucca pazza, i sospetti di collegamento con tumori al colon, e la moda sempre crescente dell’alimentazione vegetariana (l’Italia è seconda al mondo dietro l’India con 5,5 milioni di vegetariani, in aumento) e vegana