Archivi categoria: mondo ristoranti

Intervista su La Stampa a Lidia Bastianich

Intervista a Lidia Bastianich, premiata in Usa come “conduttrice culinaria dell’anno”. Parla della cucina italo-americana, l’adattamento della cucina italiana con una diversa materia prima. La Bastianich, originaria di Pola, gestisce sette ristoranti, dei quali cinque a New York, compresi Felidia, il primo che ha aperto a Manhattan, e quello di Eataly, di cui è partner (lastampa.it)

Annunci

Ristorante giapponese di Manhattan abolisce le mance per non disturbare il dopo pasto

Il Sushi Yasuda, ristorante giapponese di Manhattan, abolisce le mance (fondamentali per integrare la retribuzione dei camerieri) perché la conta degli spiccioli disturba la meditazione del dopo-pasto (lastampa.it)

i 40 anni dell’Enoteca Pinchiorri su Sole e Repubblica

Celebrazione ieri dei 40 anni dell’Enoteca Pinchiorri su Repubblica e sul “domenicale” del Sole, dove è stato ripubblicato uno stralcio di un articolo di Omar Calabrese apparso su La Gola, rivista anticipatrice di un approccio culturale al cibo, dove si racconta di una cena dell’8 giugno 1983. “Macchinata” che comprendeva Umberto Eco, l’ansia di arrivare in orario, la deviazione e l’ingorgo a Roncobilaccio, l’arrivo trafelato alle 22,40. Una cena raccontata in modo naive (particolaremente elogiate le ciliege in agrodolce e insalata di spinaci freschi), l’idioscincrasia di Eco per i vini rossi….

Link

La Spagna con El Celler de Can Roca in testa di The World’s 50 Best Restaurants 2013

La Spagna si riprende la testa della classifica nella The World’s 50 Best Restaurants 2013 del migliore ristorante del mondo con El Celler de Can Roca, dei fratelli Roca, a Girona, vicino Barcellona. Il Noma di Copenhagen, primo nelle ultime tre edizioni, è ora secondo, seguito dall’Osteria Francescana di Massimo Bottura. Per quattro anni la prima posizione era stata tenuta da El Bulli di Ferran Adria (elpais.com)

Chef sardo (stella Michelin) emigra a Mosca

Uno chef stellato chiude il suo ristorante ad Alghero per andare a lavorare a Mosca. La sua cucina innovativa, pur apprezzata da un pubblico gourmet, non bastava a far tornare i conti (corriere.it)

Nuova denominazione «Restaurant de qualité» per i ristoranti di Francia

“Sui 150 mila ristoranti francesi, il 75% si limita a offrire piatti industriali, preconfezionati, e gli altri lottano per riuscire a proporre prodotti freschi, di produzione propria. È a questi ultimi che ci rivolgiamo”, dice Alain Ducasse. Il grande chef tre stelle Michelin e altri 14 celebri cuochi, da Paul Bocuse a Joël Robuchon riuniti nel «Collège culinaire de France», hanno presentato la nuova denominazione «Restaurant de qualité»: una placca in smalto messa all’entrata dei locali francesi indicherà che lì non ci si limita a riscaldare pietanze precotte (Corriere)

Nadia Santini nominata migliore cuoca del mondo

Giù il cappello: Nadia Santini nominata migliore cuoca del mondo, o meglio Veuve Clicquot World’s Best Female Chef 2013, premio intitolato alla vedova Clicquot, grande dello Champagne in mezzo a tanti uomini. Riceverà il premio che a Londra il prossimo 29 aprile, durante la cerimonia dei World’s 50 Best Restaurants 2013, organizzata dal magazine inglese Restaurant. Succede alla basca Elena Arzak (2012), del ristorante “Arzak” di San Sebastian, e ad Anne-Sophie Pic (2011), della “Maison Pic” di Valence. Nadia Santini è la chef di “Dal Pescatore” di Runate Canneto sull’Oglio, prima italiana a ottenere tre stelle Michelin (1996); conobbe Antonio Santini in treno andando a scuola. Entrambi lasciarono gli studi di Scienze Politiche per dedicarsi alla trattoria di campagna che il padre di Antonio era intenzionato a vendere (una pagina sul Corriere; corriere.it)